Come fare interviste a distanza? Guida pratica per giornalisti

Imprevisti, distanze reali e questioni logistiche in generale. Le interviste a distanza fanno parte (non solo) del giornalismo da quando è nato e questo tema non dovrebbe essere una novità. Negli ultimi anni, però, con supporti tecnologici sempre più avanzati – e a volte complessi da gestire – la domanda “Come fare interviste a distanza?” è diventata una delle più gettonate. E ancora di più a partire dalla pandemia Covid.

E poi, diciamoci la verità: il cervello umano è fondamentalmente pigro e sapere che possiamo fare delle ottime interviste anche standocene nella comodità di casa nostra, del nostro ufficio o della nostra redazione è molto tranquillizzante, giusto? Eppure, fare un’intervista davanti a uno schermo è molto diverso che farla di persona. E non mi riferisco soltanto alla parte tecnica, ma anche a tutta una serie di accorgimenti che dobbiamo ricordare e che abbracciano un po’ anche la psicologia.

Ti sembra esagerato? Leggi fino in fondo e vedrai che non è così. Anzi, potrai contare su una bella serie di consigli pratici da parte di chi fa interviste a distanza…ben prima del Covid. E alla fine, se avrai domande puoi scriverle tutte nei commenti: ti risponderò con grande piacere.

Teresa Potenza

Ciao! Sono Teresa, sono una giornalista e supporto i freelance nei loro progetti editoriali. Faccio parte del Constructive Network e di JournalismAI, network di giornalisti che usano l’IA in modo etico, sostenuto dalla London School of Economics.

Se vuoi fare un salto avanti e scoprire il tuo modo unico di parlare con l’IA, iscriviti a “Prompt evolution“: i workshop in cui io ti affianco personalmente.

Cliccando QUI scarichi invece una risorsa con tante idee per usare l’IA nel tuo lavoro ed entri in Connessioni con me, la mia newsletter mensile.

Come prepararsi per una intervista a distanza.

Che tu sia giornalista o no, scommetto che di interviste a distanza ne fai già parecchie. Pensa a quando fai brainstorming con colleghi, a quando hai una riunione online oppure devi dare o ricevere aggiornamenti su un progetto. Anzi, magari ti è capitato di fare online anche un colloquio di lavoro. O ancora, se fai consulenze online.

Quando parliamo di come fare interviste a distanza, entriamo in un mondo molto più ampio di quanto immaginiamo. Ma come possiamo prepararci al meglio sia per evitare trappole tecniche, sia per mantenere quella scintilla di connessione umana che uno schermo rischia di spegnere in fretta? Ecco alcune tecniche che ho affinato nel corso degli anni e che ti aiuteranno a trasformare ogni intervista a distanza in una opportunità.

1 – Prepara tutta l’attrezzatura.

Il giorno prima dell’appuntamento, controlla tutto. Verifica lo stato della connessione (certo, se poi salterà non potrai farci niente…): se dove lavori di solito non prende al 100%, valuta di cambiare spazio o stanza. Poi controlla il microfono del tuo pc oppure quello esterno se ne usi uno.

2 – Crea un ambiente confortevole.

Se l’abito fa il monaco (che ci piaccia o no, è così), allora l’atmosfera e l’ambiente che ci circonda contano ancora di più in una intervista a distanza. Quindi, per prima cosa prepara la tua postazione. Se non puoi appoggiarti a un ufficio e lavori da casa, scegli con attenzione il tuo angolo. Ricordati che tutta la tua attenzione dovrà stare sulla persona che intervisterai, quindi trova un punto in cui le probabilità di disturbo siano ridotte al minimo.

Valuta anche il tuo sfondo: se, per esempio, non puoi fare a meno di avere un armadio sullo sfondo, controlla prima che tutte le ante siano chiuse. Ti sembra una banalità? Non lo è: elementi visivi disturbanti distraggono chi li osserva e noi non vogliamo che succeda al nostro interlocutore, giusto? E se pensi che sia scontato chiudere un armadio prima di fare un’intervista….beh, ti assicuro che ho visto di peggio!

Come fare interviste a distanza - Teresa Potenza
Pic by Danai Athanasoula – Copyright @teresapotenza

3 – Tecniche di comunicazione efficace.

Rompere il ghiaccio è fondamentale, sta a noi capire se possiamo essere abbastanza informali o se sia meglio utilizzare un registro più formale. In ogni caso, mettiamo a nostro agio chi abbiamo davanti – cosa che tra l’altro servirà anche a noi. E se proprio non sappiamo come dare il via alla conversazione, optiamo per un semplice e sempreverde “Sono felice di poterla intervistare”…

Dopodiché assicuriamoci di sapere quanto tempo avremo a disposizione. Altrimenti rischiamo di dilungarci troppo e di arrivare al punto di sentirci dire: “Bene, adesso devo andare perché ho un altro appuntamento” prima di aver fatto tutte le nostre domande.

E poi ricordiamoci che dall’altra parte dello schermo non c’è soltanto una fonte di informazioni, ma una persona. La chiave qui è l’ascolto attivo: mostra concentrazione ma anche interesse e mantieni un contatto visivo guardando dritto nella webcam. Segni di comprensione sì, ma senza annuire troppo.

BONUS che vale per qualsiasi tipo di intervista: non finire le frasi. Devi lasciare tutto lo spazio necessario, senza influenzare chi ti sta parlando. So bene che la tentazione di “aiutare”, intervenendo con un aggettivo o addirittura con una frase è molto forte, soprattutto quando chi sta parlando si ferma: il silenzio mette spesso in imbarazzo. Ma ricorda che, come tu hai bisogno di tempo per riflettere su ciò che stai dicendo, lo stesso vale per la persona che intervisti. E se a volte questo tempo è più lungo del solito, dobbiamo rispettarlo.

4 – Gestire le differenze culturali e linguistiche.

Il bello delle interviste a distanza è che ti permettono di raggiungere chiunque, in qualsiasi parte del mondo si trovi. Nel caso di interviste a distanza, diventa tanto più necessario prepararsi anche sulle sfumature culturali e sulla lingua che utilizzeremo, in modo da evitare qualsiasi tipo di malinteso. Valuta di affidarti a un interprete o di utilizzare software con sottotitoli automatici anche se userai uan lingua che conosci abbastanza bene.

Per esempio, dovrai parlare inglese e il tuo livello è buono, ma il tema della chiacchierata sarà molto specifico o addirittura tecnico. Questo è uno dei casi in cui potremmo rischiare di non capire ciò che ci viene detto o di fraintenderlo. Immaginiamo ora di non avere una seconda occasione per chiarire dei concetti – e anche questo capita spesso! Ecco perché meglio uno scrupolo in più.

Capire come fare interviste a distanza ed essere pronti a fronteggiare gli imprevisti è fondamentale
Pic by Linkedin Sales Solutions via Unsplash

5 – Sfide e soluzioni.

Hai presente quel momento in cui stai parlando e la connessione salta? Oppure fai per salvare la registrazione e…non riesci? Sono imprevisti che capitano a chiunque, più spesso di quanto immaginiamo, quindi: no panic! L’unica cosa da fare è sapere come gestirli. E poi ripetiamolo: affrontare le difficoltà migliora la qualità del nostro lavoro e ci aiuta a diventare professioniste e professionisti più versatili e preparati. Del resto, questo è applicabile a ogni campo della nostra vita, giusto?

Vediamo allora alcuni degli imprevisti più comuni che possono capitare quando facciamo interviste a distanza e, insieme, vediamo anche le soluzioni.

1. Affrontare problemi tecnici

  • La sfida. Connessioni instabili, problemi audio, video che si bloccano: alzi la mani a chi non è mai capitato…e poi mi faccia sapere!
  • La soluzione: Tieni accanto a te un secondo dispositivo: può davvero salvarti…l’intervista. Poi familiarizza con più piattaforme di videoconferenza: così, se quella che stai usando non funziona più, potrai passare all’altra.

2. Interviste in zone con connessioni limitate

  • La sfida. Non tutti hanno accesso a tecnologie all’avanguardia o a connessioni internet veloci.
  • La soluzione. Flessibilità: in casi simili, un’intervista telefonica può essere la soluzione migliore. E se le condizioni non lo consentono del tutto, abbandona il formato dal vivo e scegli invece di inviare le domande tramite email o messaggi vocali.

3. Raccogliere informazioni sensibili in modo sicuro

  • La sfida. Trattare argomenti delicati o sensibili richiede non solo tatto, ma anche sicurezza: fai il possibile per garantire la privacy della persona che intervisti.
  • La soluzione. Utilizza piattaforme di comunicazione crittografate e rispetta sempre la confidenzialità. Per saperne di più su questo tema puoi cominciare dal mio articolo “Cybersecurity e giornalismo: intervista ad Alberto Giuffré“.

4. Gestire fusi orari diversi

  • La sfida. Coordinare interviste con persone in diverse parti del mondo può essere più complicato del previsto.
  • La soluzione. Assicurati di pianificare bene l’orario degli incontri per evitare brutte sorprese e presentarti a un orario diverso.

Quali imprevisti hai dovuto affrontare nel corso di una intervista (o una riunione) online?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.